>
"L'uomo si è accorto della realtà solo quando l'ha rappresentata.
E niente meglio del teatro ha mai potuto rappresentarla."
 
  in tournée teatrale dal prossimo novembre
"DOPO LA TEMPESTA"
recital shakespeariano in due tempi
regia di Federico Grassi
note di regia
videointervista
foto
foto
recensione
clicca per ingrandire

“Dopo la Tempesta” è un recital shakespeariano in cui provano ad interagire tre diverse e complementari espressioni artistiche: il teatro, la musica e l'arte figurativa.

Il tracciato drammaturgico muove dalla tesi espressa da H. Bloom in un suo famosissimo saggio letterario: Shakespeare, più che semplici ruoli teatrali o personaggi, ha creato vere e proprie personalità, ha creato noi, così come oggi ci concepiamo.

Un lungo viaggio quindi dentro noi stessi ed i temi fondamentali dell'esistenza attraverso la rappresentazione dei grandi monologhi di Prospero, Amleto, Otello, Jago, Macbeth, Riccardo III, Giulietta e Romeo.

La voce recitante di Federico Grassi e la chitarra di Alberto Bocchino sono il corpo, parola e carne viva, della poesia shakespeariana, stagliati sullo sfondo delle incisioni ed installazioni scenografiche di Roberto Gianinetti che ne restituiscono l'anima ed i volti.

Ed è proprio a partire da quei volti che prende spunto il commento musicale che si apre con la "Fantasia" di J. Dowland, per introdurci nel periodo storico shakespeariano e, attraverso un percorso articolato con brani del novecento a sottolineare la modernità dei personaggi di Shakespeare, si chiude con il celebre song "Come, heavy sleep".

I volti delle opere di Gianinetti, scavati nel legno, poi stampati a torchio manuale, si presentano come figure "possibili": matrici, timbri, doppioni, anche cloni; tentano di apparire, cercano un punto stabile nella voce e nei suoni.

Federico Grassi

 
home | ultim'ora | dicono di me | foto | video | curriculum | book foto B/N | book foto a colori  
1725 accessi a questa pagina aggiungi ai preferiti | contattami | agenzia | webmaster | credits